LETTERA PUBBLICATA SUL “SECOLO XIX”

LETTERA PUBBLICATA SUL “SECOLO XIX”
16 Novembre 2020 GENOVASOLIDALE - Web
C’è il sorriso distaccato di “intanto non cambia niente”, il cinismo scanzonato dei furbi che “non se la bevono”, la postura saccente di chi “sa benissimo cosa bisognerebbe fare”, l’espressione decisa di chi “è tutto un complotto”, il ghigno furente di “so io di chi è la colpa”. Poi c’è chi si impegna nel fare. Durante il lockdown a Genova un migliaio di nuovi volontari si sono attivati nelle organizzazioni laiche e religiose per preparare pasti, portare pacchi di viveri e medicine nelle case, prestare cure mediche gratuite. Circa un migliaio di nuovi volontari organizzati a cui bisognerebbe aggiungere gli uomini e le donne che si sono mossi autonomamente.Sui giornali gli argomenti più presenti, per ovvi motivi, parlano di invidia, rancore, intolleranza e odio: diamo spazio anche all’attività solidale. Si prospetta un inverno molto difficile per tutti, drammatico per i più deboli. Evidenziamo, incoraggiamo, appoggiamo tutte le iniziative di solidarietà attiva.
Domenico Saguato