Lettera aperta a Luca Borzani

Lettera aperta a Luca Borzani
30 Ottobre 2017 Genovasolidale - admin

Caro Luca,

giustissimo quanto scrivi su “La Repubblica” del 28 ottobre: a Genova, per quanto riguarda gli immigrati, “non c’è stata l’invasione“. È necessario “mettere in campo azioni per rendere concreta l’inclusione“. Serve soprattutto mettere in moto “un piano diffuso e continuativo di lavori socialmente utili“.
Occorre “imboccare la strada non della contrapposizione tra i diritti ma dei diritti sociali per tutti“. Ma per quanto riguarda il caso di Multedo, condivido che ci sia stata “una vera caduta di toni e di stili … un PD oscillante e sostanzialmente incapace di uscire da incomprensibili atteggiamenti politicisti“, ma non capisco perché affermi che c’è stato un “assordante silenzio della società civile”.
L’iniziativa promossa dalla Camera del Lavoro di Genova, a cui hanno aderito più di cinquanta tra enti e associazioni, diverse decine di professori universitari di tutte le facoltà e di insegnanti delle scuole e i quasi cinquecento cittadini presenti al teatro Verdi, nel cuore di Sestri Ponente, è certamente partita in ritardo, ha visto quasi venti interventi che, nei toni e nelle argomentazioni, possono non essere sempre condivisibili, ma comunque è stata una ferma risposta della società civile a sostegno della solidarietà. Questa assemblea è solo un inizio, si vedrà se saremo in grado di ottenere risultati, in ogni caso abbiamo dato voce e speranza a tutti quei genovesi che, al di là delle appartenenze politiche e religiose, osservavano con rammarico quanto accadeva a Multedo.

 

Domenico Saguato,
presidente di Genovasolidale.