Lettera a Giuliano Galletta

Lettera a Giuliano Galletta
10 Novembre 2017 Genovasolidale - admin

Genova, 9 novembre 2017

Gentile Galletta,

Le scrivo a proposito della Sua risposta su “Social, razzismo in aumento ma il problema è chi lo tollera” (5 novembre 2017).

Concordo sul fatto che è necessario “dialogare con chiunque” e comprendo la Sua amarezza di fronte a un crescere delle mail di tipo xenofobo o razzista. Ma penso che bisognerebbe confutare maggiormente le affermazioni in alcuni casi veramente prive di fondamento, quando ad esempio Le scrivono che i migranti fanno comodo poiché “ormai tutti i diritti dei cittadini e dei lavoratori … sono diritti acquisiti e si danno per scontati” (lettera del 22 ottobre 2017), forse sarebbe stato opportuno ricordare che esiste ancora la disoccupazione e che il diritto al lavoro non è né acquisito né scontato, vedi il caso Ilva.

Bisognerebbe inoltre ricordare ai lettori che sono contrari all’accoglienza degli immigrati, spesso con posizioni xenofobe, che a Genova negli ultimi due anni, riportati dall’Annuario Statistico, i nati sono stati 7.923, i morti 16.068 con un saldo negativo di 8.145. Gli ingressi sono stati 21.353 (dei quali solo 6.883 gli stranieri) mentre i cittadini che hanno abbandonato Genova sono stati 12.205. In due anni Genova ha avuto un saldo demografico negativo di 10.303, con questi ritmi tra dieci anni Genova avrà circa 51 mila cittadini in meno, e non i più 100 mila prospettati dal sindaco.

Senza immigrati la nostra città è destinata a morire, come sa lo stesso sindaco che sostiene che Genova per prosperare dovrebbe ritornare ai 700 mila abitanti. Bisognerebbe dare più spazio a una Genova solidale che esiste nelle scuole, nei quartieri e nei luoghi di lavoro. Il 22 novembre alle 17, al Circolo CAP di via Albertazzi, si terrà l’assemblea di Genovasolidale, La invito caldamente a partecipare, potrà vedere coi Suoi occhi e spero anche a scriverne.

Cordiali saluti,

Domenico Saguato di Genovasolidale.